La strategia di sicurezza nazionale della Russia

image_pdfimage_print

di Leonid Savin

l 2 luglio 2021, il presidente russo Vladimir Putin ha confermato la nuova strategia di sicurezza nazionale del Paese [1].

Essa sostituisce il precedente documento del 31 dicembre 2015 ed è già entrata in vigore.

Si nota fin dalle prime pagine che la formulazione è meno astratta e vi sono state elaborate molte disposizioni.

Pertanto, tra le minacce si menzionano ripetutamente le azioni degli Stati Uniti e le attività della NATO, nonché le attività di gruppi terroristici ed estremisti.

Nelle disposizioni generali, i concetti di base rimangono invariati, ma ora ci sono informazioni sul rafforzamento dello Stato sovrano e sulla resistenza ai tentativi di esercitare pressioni esterne. Vengono usate espressioni come “potere forte” e “valori fondamentali” e la Russia è definita come uno Stato sociale governato da uno Stato di diritto.

La Nuova Strategia è stata pubblicata a seguito di modifiche alla Costituzione e all’inizio del testo si fa riferimento alla legge principale che indica il rapporto tra questi due documenti.

La seconda parte rileva l’emergere di nuovi centri di potere che stanno portando a cambiamenti nella struttura dell’ordine mondiale. Tuttavia, non si fa menzione di un passaggio al policentrismo (come nel documento precedente). Si parla invece di cooperazione multilaterale senza linee di divisione sotto il ruolo centrale di coordinamento dell’ONU. Altresì, [la nuova strategia] afferma direttamente che i Paesi occidentali vogliono preservare la loro egemonia, aumentare le disparità nello sviluppo, utilizzare due pesi e due misure ed esercitare pressioni politiche ed economiche sulla Russia e sui suoi partner. Si tenta, con un falso pretesto, di ostacolare lo sviluppo della Russia nell’Artico e nelle vie di trasporto.

È rivelatore che il documento menzioni una crisi del modello liberale occidentale, dando rilevanza alla questione della leadership morale e alla creazione di una base ideologica attraente per un futuro ordine mondiale. La tempestività e l’importanza della Russia nello sviluppo della propria ideologia possono essere lette tra le righe.

Insieme alla prospettiva di nuove sfide e minacce, il documento cita anche ulteriori opportunità per la Russia se il Paese è pronto a realizzare i suoi vantaggi competitivi, inclusa l’attrattiva del suo sistema di valori.

L’elenco degli interessi nazionali e delle priorità strategiche include non solo lo sviluppo economico sostenibile e il mantenimento della stabilità sia a livello nazionale che all’estero, ma anche il risparmio e lo sviluppo del potenziale umano, la protezione della sovranità e dell’integrità territoriale della Russia, il rafforzamento dei valori spirituali e morali tradizionali e la conservazione del patrimonio storico.

Viene ripetutamente menzionata l’importanza di aumentare la popolazione del Paese, sostenere la famiglia e la maternità, aumentare il tasso di natalità e migliorare la motivazione ad avere molti figli.

La sezione sulla difesa si concentra su due minacce (anche se non ne parla direttamente) – gli Stati Uniti e la NATO – e rileva l’escalation in Medio Oriente, Nord Africa e Afghanistan. Rileva anche i tentativi dall’esterno di influenzare la situazione all’interno del Paese, approfittando di vari problemi e difficoltà socio-economici.

Tre pagine e mezzo sono dedicate alla sicurezza delle informazioni, dove, tra le altre cose, si parla del rafforzamento della sovranità della Federazione Russa nello spazio dell’informazione e dell’uso di tecnologie e apparecchiature di comunicazione straniere che aumentano la vulnerabilità delle risorse informative russe e le criticità delle infrastrutture alle interferenze dall’estero. Lo sviluppo di forze e mezzi per la guerra d’informazione, così come l’interazione tra le autorità pubbliche, organizzazioni e società civile, sono indicati come sfide per rafforzare la sovranità dell’informazione.

Una sezione ancora più lunga composta da quattro pagine parla della difesa dei valori spirituali e morali tradizionali, della cultura e della memoria storica. La promozione dell’egoismo, del consumo e del piacere, l’imposizione di ideali e valori estranei e l’“occidentalizzazione” della cultura sono dati come tendenze negative. Viene affermato apertamente che i valori tradizionali russi vengono attaccati dagli Stati Uniti e dai loro alleati, nonché da società transnazionali, organizzazioni non governative e gruppi religiosi ed estremisti. La strategia, infatti, rileva inequivocabilmente la nocività della globalizzazione in tutte le sue forme, soprattutto culturali. Si parla anche della necessità di rafforzare l’istituzione della famiglia e preservare i valori familiari tradizionali, la sovranità culturale e l’educazione patriottica, costruendo allo stesso tempo la necessaria protezione contro l’espansione esterna di ideologie e valori, nonché di informazioni distruttive e pressioni psicologiche.

È significativo che la precedente strategia [2] del 2015 affermasse che “i valori spirituali e morali tradizionali russi vengono rianimati”, sebbene la loro erosione a quel tempo fosse classificata come una minaccia.

Diverse pagine sono dedicate anche alla sicurezza economica, nonché ai modi per risolvere una serie di sfide in questo settore.

L’ONU e il Consiglio di Sicurezza, i BRICS e la SCO, l’approfondimento della cooperazione con gli Stati membri della CSI, l’Ossezia del Sud e l’Abkhazia, l’EAEU, l’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, lo Stato dell’Unione, le relazioni speciali con Cina e India e la continua integrazione come parte della Greater Eurasian Partnership sono tutti individuati nel quadro della cooperazione internazionale.

Nel complesso, la nuova strategia è essenzialmente più conservativa, riflettendo le tendenze attuali e i cambiamenti geopolitici. Per i sostenitori dei valori tradizionali e conservatori, il documento è più accettabile del precedente. Per liberali e globalisti, invece, contiene disposizioni chiaramente inaccettabili.

Il controllo sull’attuazione della strategia sarà effettuato nell’ambito del monitoraggio statale e sarà riportato annualmente dal Consiglio di sicurezza.

[1] http://www.kremlin.ru/events/president/news/66098

[2] https://base.garant.ru/71296054/

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

18 luglio 2021